Avviare un e-commerce: analizzare la concorrenza

0
47

L’online sta diventando sempre più un’occasione per creare delle imprese e delle attività economiche che, se attentamente valutate e pianificate, possono dare degli ottimi risultati. Uno dei modi per fare impresa online è vendere beni o servizi per via telematica, cioè fare e-commerce, ma per avviarlo bisogna pensare prima di tutto al segmento di mercato che si vuole coprire e al tipo di prodotto che si vuole vendere.

Ma se gli spazi di mercato fossero già coperti dalla concorrenza? In questo caso,  avviare un e-commerce remunerativo sarebbe un grosso problema. Prima di avviare un e-commerce bisogna dunque partire dall’analisi della concorrenza, bisogna sapere quanti e-commerce esistono per lo stesso settore e quanti utenti cercano mensilmente lo stesso prodotto.

Questa analisi preventiva avrebbe potuto salvare dal fallimento migliaia di imprenditori online, come ci dimostra l’esperienza di un ex operatore di e-commerce che dopo aver avviato il suo “negozio” on line ( con un software di e-commerce gratuito) ha scoperto che ne esistevano altri 250 mila identici al suo e che gli acquirenti per un determinato tipo di prodotto non superavano gli 8000 utenti mensili, i quali, divisi per 250 mila e-commerce, facevano risultare una probabilità di vendita molto al di sotto dello zero…

Quindi, per analizzare la concorrenza prima dell’avvio di un-ecommerce, si può eseguire un calcolo tramite lo strumento per le parole chiave riferite al prodotto che si vuole vendere e poi cercare la stessa parola chiave per capire quanti risultati restituisce nelle Serp. Se questi ultimi dovessero superare il numero di utenti unici vorrà dire che sarà meglio cambiare settore.

L’analisi si può fare su scala locale, nazionale e internazionale usando le relative parole chiave, che, nel caso della ricerca internazionale, si faranno in lingua straniera.