Austerity in Italia, Sacconi lo esclude

0
98

telelavoroDopo i piani messi in atto da Grecia, Spagna e in ultimo il Portogallo, il settore pubblico italiano vive nella paura di subire gli stessi tagli, siaper quanto riguarda i salari che per quanto riguarda i posti di lavoro.

Il Ministro Sacconi, interpellato su questo punto, ha rassicurato tutti dicendo che in Italia non si corre il rischio di dover tagliare le trdicesime e le quattordicesime, “Il nostro Paese ha una condizione economica straordinariamente diversa dalla Grecia. La nostra economia e’ solida e per questo in Italia non ci saranno provvedimenti restrittivi. A questo proposito c’e’ un dato molto indicativo: il rapporto tra il debito pubblico italiano e la ricchezza delle famiglie, la sola ricchezza finanziaria è del 68%. Lo stesso rapporto in Grecia e’ del 220%, dove non solo il convento e’ povero, ma anche i frati sono poveri, mentre in Italia il convento, diciamo, e’ stato impoverito ma c’e’ un distribuito e diffuso benessere anche dal punto di vista del patrimonio di cui dispongono le famiglie”.

 
Di opinione del tutto contraria è Maurizio Zipponi, responsabile Welfare e Lavoro dell’Italia dei Valori riferendosi ad una intervista che il ministro Sacconi ha rilasciato a Klaus Davi, soprattutto riguardo all’ invito fatto ai giovani di non “piangersi addosso”.