Asta BoT: rendimento in crescita e domanda elevata

0
135

botI titoli di stato italiani continuano a mostrare il loro appeal sul mercato. L’asta dei Bot annuali tenutasi nella giornata di ieri ha fatto registrare due note positive sia dal punto di vista della domanda che da quello del rendimento.Per quanto riguarda la domanda, a fronte di un’offerta parti a 7,5 miliardi di euro, sono pervenute richieste pari a 12,44 miliardi, per la maggioranza da parte di banche o investitori istituzionali.

Il rendimento, dal canto suo, ha fatto notare un lieve incremento, portandosi a quota 1,399% lordo. Una più approfondita analisi dei dati mostra nel dettaglio un prezzo medio ponderato di 98,601 al quale l’aggiunta della ritenuta del 12,5% pari a 0.1488 più arrotondamenti porta il prezzo netto d’aggiudicazione a 98,78. Il rendimento netto risulta così attestarsi a 1,218%. Se venisse applicato il massimo di commissione pari a 0,30 il prezzo diverrebbe 0,916 per un rendimento netto pari a 0,916.

Come già detto la partecipazione all’asta dei BoT annuali, ha coinvolto maggiormentebanche e investitori istituzionali, in quanto un rendimento inferiore al punto percentuale fa preferire, da parte degli investitori, un investimento tramite altri strumenti come ad esempio conti correnti a deposito vincolato.

Martino Bonanomi