Fondi per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro

Presentato in una conferenza stampa, a Catania, il Piano regionale Triennale straordinario 2010-2012, per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, stabilito dal decreto regionale del 29 aprile [...]

l'ing. Antonio LeonardiPresentato in una conferenza stampa, a Catania, il Piano regionale Triennale straordinario 2010-2012, per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, stabilito dal decreto regionale del 29 aprile 2010.

Per la realizzazione del Piano triennale verranno assegnati 3 milioni e mezzo di euro annui alle Aziende sanitarie provinciali siciliane,  al fine di  potenziare l’organico di operatori addetti alla prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro.

I fondi saranno suddivisi in tre piani specifici: 1.415.185 euro per il Piano regionale di prevenzione in edilizia (Pre); 1.257.894 euro per il Piano regionale di Prevenzione in agricoltura (Pra); 469.000 euro per il Piano regionale di prevenzione per l’emersione delle malattie professionali (MalProf) e 357.921 euro per la realizzazione delle attività di promozione, comunicazione, informazione e formazione.


Il fenomeno infortunistico in Sicilia, secondo il rapporto annuale 2009 Inail – ha sottolineato il direttore Servizio 3 Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro dell’assessorato alla Salute della Regione Siciliana Antonio Leonardi(nella foto)- rappresenta il 4,34% del totale nazionale, con 34.311 infortuni denunciati, rispetto ai 35.627 dell’anno 2008, con una flessione del 3,7% in linea con l’andamento decrescente del fenomeno in Italia.

Per quanto riguarda gli incidenti mortali, nel 2009 sono stati registrati 84 casi con un incremento di 7 morti rispetto all’anno precedente. Per contrastare questo fenomeno è fondamentale l’impegno comune per azioni organiche e integrate: il Piano regionale vuole innovare, nel metodo e nei contenuti, la programmazione del settore, con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita, promuovendo il benessere psico-fisico del lavoratore quale presupposto fondamentale dell’occupazione”.

Scritto da Rosalba Mancuso

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!