I 7 peccati capitali del trading

Nel mio ultimo articolo vi ho parlato si un sistema utile a pianificare un’operazione, un utile schema logico da seguire per non operare alla cieca e in totale balia del fato. [...]

7 peccati capitali

7 peccati capitali

Nel mio ultimo articolo vi ho parlato si un sistema utile a pianificare un’operazione, un utile schema logico da seguire per non operare alla cieca e in totale balia del fato. Dopo aver parlato di cosa è opportuno fare e trasformare in abitudine, mi sento di dover dire anche alcune cose che è forse meglio sin da subito proprio cancellare dalle nostre abitudini.

L’articolo è intitolato i 7 peccati capitali del trading e appunto saranno 7 gli aspetti che andrò ad analizzare. Aspetti scandalosamente comuni e facili da trovare nell’operatività di chiunque (anche del sottoscritto dato  che sono umano e non un computer), che conducono molto spesso ad un’operatività insoddisfacente anche se le basi di analisi e le previsioni sono corrette. Procediamo dunque.

Accidia. Non lasciate nulla al caso! Come appunto dicevo nello scorso articolo, il trading non deve essere un gioco di intuizione o emozione. L’operazione va studiata e pianificata secondo criteri studiati e ritenuti validi. Potreste operare con un semplice lancio di una monetina, ma sicuramente se vorrete risultati sarà meglio compiere un lavoro metodologico e sistematico. Per rinfrescare la memoria rileggete pure l’articolo sulla checklist prima di operare.

Invidia. L’erba del vicino è sempre più verde. Nel trading sul Forex è però meglio smettere di guardare gli altri e i loro sistemi che dicono essere macchine da soldi; gli sforzi sono da riversare nel migliorare la propria di strategia. Non guardate gli altri, analizzate e sviluppate i vostri sistemi.


Gola. Quante volte da posizioni vincenti siete passati a saldi in rosso? Posizionate obiettivi intelligenti, mettete sempre degli stop oltre i quali riconoscete di aver sbagliato previsione e soprattutto scordate di prendere i massimi e i minimi di ogni oscillazione! Non tutte le operazioni saranno vincenti, quello che conta è che alla fine siate in guadagno. State facendo una maratona, non una gara di velocità.

Ira. Lasciate perdere l’ira, vi renderà solo maggiormente miopi. Se il mercato vi va sempre contro non è perchè ce l’ha con voi, ma siete voi che vi ostinate ad operare nella direzione sbagliata! Come si suole dire, il mercato ha sempre ragione. Per cui rilassatevi, concentratevi e con maggior calma progettate una nuova operazione o prendetevi un piccolo momento di pausa piuttosto.

Avarizia. Dovete investire tempo, soldi e studiare molto prima di essere capaci di guadagnare con costanza del Forex. Non si diventa ricchi son una sola operazione. Anche i migliori si dedicano allo studio e cercano supporto.

Superbia. Un eccesso di fiducia in se stessì è, non di rado, uno dei più comuni motivi di fallimento del Forex. Solo perchè si hanno avute alcune operazioni positive, non si è dei guru delle valute! Siate sempre critici verso voi stessi e i vostri sistemi, sempre aperti verso lo studio del mercato e del vostro comportamento. Analizzate ogni vostra vittoria e ogni vostra sconfitta traendone le giuste osservazioni.

Lussuria. Circondarvi di schermi, grafici e quant’altro non fa di voi degli esperti. Valutate attentamente il tempo che passate davanti allo schermi e dosatelo. Fissare sempre i grafici vi farà vedere segnali anche dove questi non esistono. Gestire il proprio tempo è fondamentale per la propria concentrazione.

Martino Bonanomi
AnalisiForex.com

Scritto da Martino Bonanomi

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!

Stai cercando aggiornamenti su Borsa e Finanza ?

Visita www.borsaefinanza.net il nostro nuovo portale!