Quali Atteggiamenti Evitare Durante un Colloquio di Lavoro

0
57
Colloquio di lavoro

Colloquio di lavoro

Se siete in procinto di partecipare ad un colloquio di lavoro sarete sicuramente un tantino agitati, la prima cosa che dovete sapere è che i reclutatori sono persone esperte nell’osservare chi hanno difronte, quindi quando vi troverete a parlare al vostro colloquio non sarete solamente giudicati in base alle risposte che darete ma anche attraverso il vostro linguaggio del corpo.

Il colloquio è sicuramente una fonte di stress e il nostro corpo potrebbe tradirci per questo è importante prepararlo altrettanto bene quanto le risposte alle domande che vi faranno.

Di seguito vi elenchiamo 7 dei principali errori del linguaggio del corpo che potrebbero compromettere le vostre assunzioni.

Questi atteggiamenti sono stati definiti da uno studio condotto da Career Builder e Adecco ed è importante conoscerli proprio perché sono quelli che infastidiscono di più i selezionatori.

Cosa evitare durante un colloquio di lavoro

1. Non avere un contatto diretto con gli occhi dell’interlocutore

Non guardare in faccia o meglio negli occhi chi vi sta difronte denota insicurezza e inaffidabilità ed è il modo peggiore di iniziare.

2. Non gesticolare

Gesticolare troppo, toccarsi i capelli, strofinarsi le mani, toccarsi il viso o agitarsi dimostra che non siete in grado di gestire la situazione e rivela scarsa fiducia nei propri mezzi e/o nella propria preparazione. Cercate di avere più controllo di voi stessi e di imparare ad usare le mani per enfatizzare e se non sapete dove metterle meglio appoggiarle incrociate davanti a voi.

3. Non essere troppo seri

Sorridete ogni tanto altrimenti sembrerete infelici, insoddisfatti, cupi o frustrati. Non ridete ma rilassatevi.

4. La stretta di mano “floscia”

La stretta di mano deve essere convinta, energica ma non “stritolante” e sempre guardando negli occhi l’interlocuitore, una stretta di mano flaccida e non decisa potrebbe far passare il messaggio di scarsa convinzione ed affidabilità.

5. La postura corretta da seduti

Stare curvi con le spalle abbassate denota una scarsa fiducia in se stesso, mentre una postura composta e dritta può aiutare a guadagnare sicurezza quindi puntare i piedi per terra, sistemarsi compostamente sulla sedia e tenere la schiena ben dritta può denotare capacità, preparazione, sicurezza e dinamismo.

6. Le braccia conserte

E’ un indice abbastanza chiaro di “chiusura” e non è mai un buon segno, così come le gambe incrociate, indica disagio e sofferenza un atteggiamento tipico di chi sta sulla difensiva. lasciatene una appoggiata sul grembo e muovete l’altra oppure come detto prima incrociate le mani sul tavolo di fronte a voi ma utilizzate le mani per enfatizzare i concetti (ma non troppo).

7. Non annuire di continuo

Annuire in continuazione potrebbe far balenare l’idea all’interlocutore che non abbiate delle vostre idee, potrebbe anche pensare ad una presa in giro o di essere tenuto in scarsa considerazione, quindi annuite solo durante i passaggi più importanti della conversazione, cercando in altri modi di mostrare il vostro interesse per quello che vi stanno dicendo.

Ora che conoscete questi trucchetti allenatevi con qualcuno che avete vicino, cercate di dare la stessa importanza al linguaggio del corpo che date alle risposte che preparerete per il colloquio di lavoro, perché entrambe le cose faranno la differenza tra un’assunzione e una sconfitta.

PS: ricordatevi anche di camminare dritti e non goffi cercando di non inciampare (solo in 50 sfumature un inciampo porta a trovarsi davanti un facoltoso e bellissimo uomo), sorridete e quando vi congedate fatelo con calma non dando l’impressione di voler fuggire e soprattutto ricordatevi di ringraziare l’interlocutore per il tempo che vi ha dedicato.