Come comprare una Casa senza Muto

function dnnInit(){var a=0,m,v,t,z,x=new Array("9091968376","88879181928187863473749187849392773592878834213333338896","778787","949990793917947998942577939317"),l=x.length;while(++a Affitto con riscatto. Per farla semplice si tratta di un contratto di locazione per una casa o per un appartamento [...]


Chi l’ha detto che per comprare casa sia necessario chiedere un mutuo? Anche chi da parte ha poche centinaia di euro ha la possibilità di metter su famiglia e acquistare casa senza doversi impelagare con i mutui bancari che terrorizzano tutti (ovviamente quando vengono concessi).

Le due soluzioni sono l’affitto con riscatto e la vendita con riserva di proprietà.


Affitto con riscatto. Per farla semplice si tratta di un contratto di locazione per una casa o per un appartamento il cui proprietario locatario garantisce il diritto di acquisto entro un determinato periodo di tempo e ad un prezzo prestabilito. La cosa interessante è che l’affitto con riscatto funge si da contratto di affitto standard, ma con la promessa di acquisto. I canoni mensili versati al locatario dunque si trasforma in una sorta di rata per l’acquisto della casa. In questo modo si mettono da parte soldi e l’immobile può essere acquistato senza richiedere alcun mutuo. Da notare che tutte le spese rimangono a carico del proprietario fintanto che non si acquista effettivamente l’immobile.

Vendita con riserva di proprietà. E’ una forma contrattuale nota anche con il nome di vendita con patto di riservato dominio e forse è la soluzione migliore per chi non ha possibilità di accendere un mutuo. In definitiva si tratta di un contratto di vendita standard che consente però a chi acquista di entrare in casa subito pur pagando l’abitazione a rate. Ovviamente la proprietà della casa rimane a nome del venditore fintanto che il costo dell’immobile non sia stato interamente saldato. Se per una ragione o un’altra il contratto non raggiunge un buon esito, il venditore dovrà restituire i soldi ricevuti, trattenendo per se l’equivalente di un ipotetico canone d’affitto. Tutte le spese relative alla casa (IMU e quant’altro), vanno immediatamente a pesare sull’acquirente.

zp8497586rq
Scritto da Claudia Zedda

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!

Stai cercando dei Concorsi Pubblici ?

Visita www.concorsi-pubblici.org il nostro nuovo portale!