Tares, costi e scadenze della nuova imposta

A quanto pare la Tares sta facendo già discutere e non solo gli italiani. Le tariffe della nuova tassa comunale dovevano essere approvate e  determinate dalle aziende locali ma resta il [...]

A quanto pare la Tares sta facendo già discutere e non solo gli italiani. Le tariffe della nuova tassa comunale dovevano essere approvate e  determinate dalle aziende locali ma resta il fatto che questo andava fatto con l’approvazione del bilancio di previsione.


Il tributo dovrebbe essere stabilito dal Consiglio Comunale che dovrebbe deliberare anche eventuali riduzioni ed esenzioni così come la copertura finanziaria. I Comuni potranno attribuire la gestione del tributo fino al 31 dicembre 2013 anche alle aziende che, al 31 dicembre 2012, svolgono il servizio di gestione dei rifiuti e anche di accertamento e riscossione della Tarsu, della Tia 1 o della Tia 2.

Gli italiani, invece, dovranno versare il tributo tramite F24 o conto corrente postale intestato al Comune. Il valore del nuovo tributo dovrà essere calcolato in base ai metri quadrati per i quali ci sarà una maggiorazione di 0,30 euro a metro quadrato (elevabile fino a 0,40 dal Consiglio comunale).

La prima rata dovrà essere pagata ad Aprile mentre la seconda, che conterrà l’eventuale conguaglio, sarà comunicata dal Comune.

Scritto da Piera Scalise

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!

Stai cercando aggiornamenti su Borsa e Finanza ?

Visita www.borsaefinanza.net il nostro nuovo portale!