Esodati, oltre 200mila ancora da salvaguardare. Quali novità in arrivo?

Dopo mesi e mesi di discussioni, promesse e tentate riforme, siamo ancora qua a parlare di Esodati. Non è possibile fare un conto preciso di quanti essi siano in realtà ma a [...]

Dopo mesi e mesi di discussioni, promesse e tentate riforme, siamo ancora qua a parlare di Esodati.

Non è possibile fare un conto preciso di quanti essi siano in realtà ma a quanto pare sono oltre 200 mila quelli ancora da salvaguardare e i 10 miliardi di finanziamenti pubblici non serviranno per tutelarli, almeno non tutti.


Nei mesi scorsi sono state salvaguardate 65 mila persone (25mila in mobilità ordinaria, 17mila dai fondi di solidarietà, 10mila prosecutori volontari, 3500 in mobilità lunga e altri tra esonerati e lavoratori in congedo), queste riceveranno la pensione entro fine 2013. Altre 55mila sono state tutelate con un emendamento nella spending review dello scorso luglio anche se la questione è ancora molto discussa.

Secondo la Cgil sono oltre 200mila gli esodati rimasti fuori dai provvedimenti messi in atto soprattutto coloro che hanno stretto accordi di mobilità dopo il 4 dicembre 2011 o al di fuori dalle sedi di carattere governativo ma anche coloro che hanno firmato accordi territoriali o aziendali, e, chi, non aveva effettuato versamenti volontari entro il 6 dicembre 2011.

Chi si occuperà di loro? La campagna elettorale sembra essere iniziata a chi toccherà la patata bollente?

Scritto da Piera Scalise

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!

Stai cercando aggiornamenti su Borsa e Finanza ?

Visita www.borsaefinanza.net il nostro nuovo portale!