Slitta l’aumento dell’Iva e le Province vengono dimezzate

I cittadini italiani saranno lieti di sapere che i primi tagli alla Politica italiana passeranno per il dimezzamento delle Province. Saranno meno felici i diretti interessati ma questo porterà ad un [...]

I cittadini italiani saranno lieti di sapere che i primi tagli alla Politica italiana passeranno per il dimezzamento delle Province. Saranno meno felici i diretti interessati ma questo porterà ad un notevole risparmio di cui il Paese aveva veramente bisogno. Solo nella tarda serata di ieri, il Senato ha approvato il taglio delle Province che saranno dimezzate ed entro l’anno scenderanno a quota 50.


Le Province si salveranno in base alla popolazione e all’estensione mentre entro il primo gennaio saranno istituite 10 città metropolitane, ovvero Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli, Reggio Calabria. Le province che resteranno in vita dovranno occuparsi di ambiente, trasporti e viabilità.

Il resto delle competenze passerà ai Comuni che subiranno anche un nuovo taglio delle risorse pari a 500 milioni di euro per il 2012 e 2 miliardi di euro dal 2013.

Il risparmio garantirà uno slittamento dell’aumento dell’Iva previsto ad Ottobre. In base al decreto, infatti, l’aumento dell’Iva è stato sospeso sino al 30 giugno 2013.

Scritto da Piera Scalise

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!

Stai cercando aggiornamenti su Borsa e Finanza ?

Visita www.borsaefinanza.net il nostro nuovo portale!