Fiumicino: 60 mila nuovi posti di lavoro.

Sembra che da qui a 10 anni l’aeroporto di Fiumicino sarà in grado di garantire più di 60 mila posti di lavoro. Questo è quanto risulta dal grande piano per il [...]

lavorare a fiumicino aeroportoSembra che da qui a 10 anni l’aeroporto di Fiumicino sarà in grado di garantire più di 60 mila posti di lavoro. Questo è quanto risulta dal grande piano per il suo sviluppo che verrà presentato in giornata al presidente del Consiglio Berlusconi.

Un impegno reale così come reale è l’intenzione dei soci di Adr e Sea di dare ai due hub italiani una nuova prospettiva, colmando le differenze che effettivamente li separano dagli scali europei.

Il maxi piano per Fiumicino si fa promotore di una logica semplice ed immediata: più passeggeri riuscirà ad ospitare l’aeroporto più saranno i posti di lavoro che quest’ultimo riuscirà a garantire. Obbiettivo primario ben sottolineato  nel maxi piano è quello di passare dai 35-40 milioni di passeggeri ai 60-65 milioni in dieci anni. Questo incremento significherà sostanzialmente la nascita di nuovi 25 – 30 mila posti di lavoro nuovi ai quali dobbiamo aggiungere quelli legati alla ristrutturazione ed ampliamento della stessa struttura dell’aeroporto.

Si pensa di investire in questo colossale piano almeno 3,6 miliardi in dieci anni, per fare di Fiumicino uno degli scali europei più importanti, ma soprattutto punto di riferimento per l’Italia ed il Mediterraneo.


Per ora si tratta solamente di progetti e di sogni, ma tra il vedere e il non vedere sarebbe male prendere contatto con il già grande aeroporto e inviare il proprio curriculum.

Per contatti clicca direttamente qui.

Sembra che da qui a 10 anni l’aeroporto di Fiumicino sarà in grado di garantire più di 60 mila posti di lavoro. Questo è quanto risulta dal grande piano per il suo sviluppo che verrà presentato in giornata al presidente del Consiglio Berlusconi.

Un impegno reale così come reale è l’intenzione dei soci di Adr e Sea di dare ai due hub italiani una nuova prospettiva, colmando le differenze che effettivamente li separano dagli scali europei.

Il maxi piano per Fiumicino si fa promotore di una logica semplice ed immediata: più passeggeri riuscirà ad ospitare l’aeroporto più saranno i posti di lavoro che quest’ultimo riuscirà a garantire. Obbiettivo primario ben sottolineato  nel maxi piano è quello di passare dai 35-40 milioni di passeggeri ai 60-65 milioni in dieci anni. Questo incremento significherà sostanzialmente la nascita di nuovi 25 – 30 mila posti di lavoro nuovi ai quali dobbiamo aggiungere quelli legati alla ristrutturazione ed ampliamento della stessa struttura dell’aeroporto.

Si pensa di investire in questo colossale piano almeno 3,6 miliardi in dieci anni, per fare di Fiumicino uno degli scali europei più importanti, ma soprattutto punto di riferimento per l’Italia ed il Mediterraneo.

Per ora si tratta solamente di progetti e di sogni, ma tra il vedere e il non vedere sarebbe male prendere contatto con il già grande aeroporto e inviare il proprio curriculum.

Per contatti clicca direttamente qui.

Scritto da Claudia Zedda

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!

Stai cercando dei Concorsi Pubblici ?

Visita www.concorsi-pubblici.org il nostro nuovo portale!