Il Distacco: Distaccare il lavoratore in un altra azienda

Oggi vi parliamo di una pratica abbastanza utilizzata nel mondo del lavoro: si tratta del distacco. A volte il datore di lavoro può decidere di “distaccare” il lavoratore in un’altra azienda per [...]

Oggi vi parliamo di una pratica abbastanza utilizzata nel mondo del lavoro: si tratta del distacco.
A volte il datore di lavoro può decidere di “distaccare” il lavoratore in un’altra azienda per determinati motivi.

Il distacco può essere dovuto :
1 ) Alla necessità di evitare la cassa integrazione, per far fronte a cali produttivi.
2 ) Necessità che il dipendente acquisisca nuove competenze.


In questi giorni, mentre migliaia di persone cercano offerte di lavoro a raffica, si discute proprio di questo argomento tra imprese ed addetti al settore.
Potrebbe dunque rivelarsi uno strumento capace di limitare la Cassa Integrazione, che ricordiamolo in Italia è arrivata a cifre record.
Lo stesso Ministero del Lavoro con circolare n. 28/2005 formalizza il ricorso all’ istituto del distacco per evitare la CIG.

Il distacco consiste dunque nell’ essere mandati presso un’altra sede di lavoro ed è un istituto che si differenzia sia dal trasferimento che dalla trasferta.
Trasferta: è di breve periodo
Trasferimento: è definitivo

Le imprese dunque per fronteggiare la crisi hanno a disposizione uno strumento utile che però potrebbe in qualche modo danneggiare i lavoratori, se non consenzienti.

Questo strumento è però molto flessibile e può essere richiesto da:
1) Imprese
2) Enti pubblici
3) Professionisti
4) Previsto anche in una versione parziale, dove il dipendente svolge solo un certo numero di ore presso un’altra azienda.

Scritto da Lorenzo Ciancio

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!