Studi di Settore, dalla Cassazione arriva la bocciatura

Gli studi di settore e gli accertamenti fatti dal Fisco in base ad essi hanno subito una bocciatura da parte della Corte di Cassazione. Secondo la Federazione degli Agenti Immobiliari, la Fiaip, [...]

cassazioneGli studi di settore e gli accertamenti fatti dal Fisco in base ad essi hanno subito una bocciatura da parte della Corte di Cassazione.

Secondo la Federazione degli Agenti Immobiliari, la Fiaip, i controlli basati sugli studi di settore è solo ”un mero indicatore statistico” e si dice soddisfatta dal fatto che la Corte di Cassazione abbia deciso di bocciare lo strumento: ”con chiara soddisfazione la sentenza 3923 del 17 febbraio 2011 emanata dalla Corte di cassazione che ritiene illegittimo l’accertamento del Fisco che non indica i motivi per cui si sono disattesi gli argomenti del contribuente”.


Secondo la Cassazione, infatti, il Fisco non ha tenuto presente che lo scostamento potrebbe essere giustificato con la forte concorrenza sul territorio e quindi non è lecito basare l’ accertamento solo su parametri ricavati dai soli indicatori degli studi di settore. Paolo Righi, presidente Fiaip, ha commentato: ”La sentenza della Cassazione dimostra, ancora una volta, come lo strumento degli studi di settore non sia piu’ in linea con le dinamiche dell’economia attuale. La Fiaip, nel corso degli ultimi anni ha ribadito piu’ volte l’inefficacia presuntiva dello strumento degli studi di settore”.

Scritto da Piera Scalise

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!