380 Offerte di Lavoro per Addetti alla Pubblica Utilità, Autisti ed Ingegneri

Opportunità di lavoro offerte in tre regioni italiane offerte da diversi enti.   Selezione pubblica per l’assunzione a tempo determinato, a tempo parziale (20 ore settimanali), tramite avviamento dal Centro per l’impiego di [...]

profilo amministrativoOpportunità di lavoro offerte in tre regioni italiane offerte da diversi enti.

 

  • Selezione pubblica per l’assunzione a tempo determinato, a tempo parziale (20 ore settimanali), tramite avviamento dal Centro per l’impiego di Livorno, di n. 28 unità categoria B tabellare B.1 Profilo Amministrativo – Progetto A.Li, col sostegno finanziario del Fondo Sociale Europeo, della Repubblica Italiana e della Regione Toscana.

Requisiti richiesti:

– essere inseriti negli elenchi anagrafici dei Centri per l’Impiego della Provincia di Livorno nella posizione di disoccupati (ai sensi dell’art. 19 del D.Lgs. n. 150 del 14/09/2015), alla data di pubblicazione del presente avviso;

– aver esaurito il periodo di copertura degli ammortizzatori sociali, essere sprovvisti di trattamento pensionistico e di non essere titolare di Partita IVA;

– essere stati interessati da licenziamento (ad eccezione dei licenziamenti per giusta causa) o da cessazione del rapporto di lavoro, ivi incluse le dimissioni per giusta causa, con esclusione delle dimissioni volontarie;

– non aver già svolto attività in lavori di pubblica utilità, rientranti fra quelli finanziati dalla Regione Toscana nell’ambito del POR FSE 2014-2020, per la durata massima complessiva di 12 mesi;

– scuola dell’obbligo oppure licenza elementare conseguita entro il 1962;

– cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea (sono equiparati ai cittadini dello Stato gli italiani non appartenenti alla Repubblica). Tale requisito non è richiesto per i soggetti di cui all’art. 38 commi 1 e 3-bis del D.lgs. 30 marzo 2001 n. 165;

– godimento dei diritti politici: non possono accedere agli impieghi coloro che siano stati esclusi dall’elettorato politico attivo;

– età non inferiore ad anni 18 né superiore a quella prevista dalle norme vigenti per il collocamento a riposo;

– non aver riportato condanne penali e di non avere procedimenti penali in corso che non consentano l’instaurazione del rapporto di lavoro (oppure indicare le eventuali condanne o gli eventuali carichi pendenti);

– idoneità fisica all’impiego e alle mansioni;

– posizione regolare nei confronti degli obblighi militari (per i candidati di sesso maschile soggetti all’obbligo di leva);

– non essere stati destituiti dall’impiego presso una pubblica amministrazione o dispensati dalla stessa per persistente insufficiente rendimento o dichiarati decaduti dall’impiego ai sensi della normativa vigente o licenziati per le medesime cause.

La domanda di partecipazione alla selezione, indirizzata al Centro per l’impiego di Livorno, Via Galilei, 40, dovrà pervenire entro e non oltre le ore 12.30 del 07 luglio 2017.

Per ulteriori informazioni cliccate qua.

 

L’Ente Autonomo Volturno (EAV), la storica azienda della campana che dal settore dell’energia idroelettrica negli anni ha allargato le propria attività alla progettazione e gestione di sistemi di trasporto pubblico, il cui socio unico è la Regione Campania, stando a quanto pubblicato sul ilMattino.it, il prossimo 17 luglio ratificherà due provvedimenti già approvati dal consiglio di amministrazione. Dei due provvedimenti, uno riguarda l’avvio delle procedure per il piano di reclutamento del personale che dovrebbe portare, nel giro di qualche anno all’assunzione di 350 dipendenti.


Per ulteriori informazioni sull’Ente e le prossime pubblicazioni dei bandi di concorso cliccate qua.

 

  • Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 2 posti di Collaboratore Tecnico Professionale – Ingegnere per l’Ambiente ed il Territorio, categoria D CCNL comparto sanità, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e a tempo pieno, previsti nel Piano Occupazionale anno 2016 definito con determina n. 61/DG/2016.

Requisiti richiesti:

– cittadinanza italiana; sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non appartenenti alla Repubblica o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o status ad essa equiparato a norma di legge, al fine dell’assunzione alle dipendenze della pubblica amministrazione. Ai sensi dell’articolo 38, commi 1 e 3 bis, del D.Lgs. n. 165/2001 possono essere ammessi al concorso i familiari di cittadini di Stati membri dell’Unione Europea, non aventi la cittadinanza di uno Stato membro, purché titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente ovvero i cittadini di Paesi terzi purché titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria.

– idoneità fisica all’impiego;

– godimento dei diritti civili e politici; non possono accedere all’impiego coloro che siano stati esclusi dall’elettorato politico attivo;

– non essere stati destituiti dall’impiego, dichiarati decaduti, dispensati ovvero licenziati disciplinarmente da una pubblica amministrazione;

– esclusione di condanne penali, salvo i casi, stabiliti dalla legge, per alcune tipologie di reati;

– conoscenza di almeno una lingua straniera, almeno a livello iniziale, a scelta del candidato tra: inglese e francese;

– conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse;

– una delle seguenti lauree: Diploma di laurea in Ingegneria per l’ambiente e il territorio di cui all’ordinamento previgente al D.M. 509/99; o Laurea Specialistica o Laurea Magistrale in una delle seguenti classi determinate rispettivamente ai sensi del D.M. 509/99 e del D.M. 270/04 ed equiparate al suddetto titolo di studio in base al D.M. 09.07.2009 (G.U. n.233 del 07/10/2009): classe 38/S – Ingegneria per l’ambiente e il territorio, classe LM-35 ingegneria per l’ambiente e il territorio, Laurea Triennale (L) in una delle seguenti classi determinate ai sensi del DM 509/909 o del D.M. 270/2004: classe 8 -Laurea in ingegneria civile e ambientale, riclassificata L-7 ingegneria civile ambientale; o titolo di studio non conseguito in Italia ma riconosciuto ai sensi della normativa vigente in materia;

– abilitazione all’esercizio della professione;

La domanda di ammissione al concorso, datata e sottoscritta dal candidato, redatta in carta semplice secondo il fac-simile allegato al bando (Allegato A), deve essere indirizzata al Direttore Generale dell’ARPAM – Sede Centrale – Via Ruggeri, n. 5 – 60131 Ancona e presentata entro il termine perentorio di giorni trenta dalla data di pubblicazione, per estratto, del bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – IV Serie Speciale – Concorsi ed Esami, ovvero entro il 24 luglio 2017. Per ulteriori informazioni cliccate qua.

Scritto da Ilaria

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!