Multa non valida, ecco quando il Ricorso è vincente al 100%

Le multe sono una delle cose più irritanti che ci possono essere, spesso sono giuste e utili, ma spesso si può fare ricorso e si può anche vincere e la multa [...]

Le multe sono una delle cose più irritanti che ci possono essere, spesso sono giuste e utili, ma spesso si può fare ricorso e si può anche vincere e la multa non pagarla. Ci sono alcuni casi in cui la multa risulta nulla, e in questi casi è certo che la multa non va pagata.

Di seguito i cinque casi più comuni per i quali è possibile evitare dei pagare:

1. La notifica della multa arriva dopo 90 giorni dalla data di accertamento dell’infrazione.

2. E’ obbligatoria la contestazione immediata per la multa di eccesso di velocità se gli autovelox vengono gestiti dalla polizia. Inoltre se sul verbale non vengono spiegati i motivi della mancata contestazione immediata, la multa è nulla.

3. Nel caso di autovelox non siano segnalati o non gestiti dalla Polizia, la multa non può essere valida.


4. Se a fare la multa è un ausiliario del traffico, ma la multa non riguarda la sua area di competenza (di solito sosta vietata) allora la multa va contestata.

5. Errori sul verbale inficiano la validità della multa. Ad esempio:

• Non esiste la violazione segnalata (multa per divieto di sosta su via a sosta libera):
• Mancanza di numero civico che indichi precisamente la posizione dell’auto mentre commetteva la violazione, specie su vie lunghe;
• Errore nella data del verbale, o assenza della stessa. Cosa che pregiudica la possibilità di fare ricorso;
• Impossibilità di commettere la violazione nella data indicata a verbale, per esempio se la multa riguarda la sosta per pulizia strade in un giorno in cui la pulizia non viene effettuata;
• Numero di targa o denominazione del veicolo errati.

Attenzione alle date, il verbale si può impugnare dal Giudice di Pace entro 30 giorni dalla notifica o dalla contestazione, o davanti al Prefetto entro 60 giorni. Quando fate ricorso chiedete anche il rimborso delle spese e al Giudice di Pace la sospensione dell’efficacia esecutiva. 

Il prefetto ha tempo 120 giorni per decidere, scaduti i quali la multa decade. Nel frattempo non bisogna assolutamente pagare altrimenti non è possibile impugnare il verbale. Se il Prefetto decide che non c’è motivo di ricorso, la multa da pagare è raddoppiata.

 

 

Scritto da Valeria Bonora

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!

Stai cercando aggiornamenti su Borsa e Finanza ?

Visita www.borsaefinanza.net il nostro nuovo portale!