Come aprire la P.IVA con finanziamento a fondo perduto

La partita Iva è il passo fondamentale per l’avvio di un’impresa, sia essa societaria o individuale. Nel secondo caso è forse l’unico passo, perché non si avrà bisogno di redigere un [...]

La partita Iva è il passo fondamentale per l’avvio di un’impresa, sia essa societaria o individuale. Nel secondo caso è forse l’unico passo, perché non si avrà bisogno di redigere un atto costitutivo. Lo scoglio più importante da superare in questa fase è, però, il reperimento dei capitali necessari ad avviare l’attività.

Non tutti, infatti, hanno “in saccoccia” i quattrini per aprire un’impresa. In questi casi si può ricorrere a dei prestiti agevolati e a contributi a fondo perduto.

Chi vuole aprire una ditta individuale può ottenere un contributo a fondo perduto tramite il finanziamento per il lavoro autonomo, ex prestito d’onore. Questo finanziamento è erogato dall’Agenzia Invitalia a imprenditori individuali in possesso di specifici requisiti: maggiore età e stato di disoccupazione al momento della presentazione dell’istanza, residenza nel territorio nazionale e sede legale dell’attività sempre all’interno dello Stato italiano.


Il prestito d’onore prevede un finanziamento agevolato. da restituire in 5 anni con rate trimestrali, e un contributo a fondo perduto costituito dalla differenza tra gli investimenti ammissibili e l’importo del prestito agevolato.

Le agevolazioni non riguardano solo gli investimenti ( immobili, attrezzature, ristrutturazione di immobili, ecc.), ma anche le spese di gestione. Queste, per il primo anno, prevedono solo un contributo a fondo perduto di importo massimo non superiore a 5.164,57 euro. Con questo aiuto, il neo imprenditore potrà pagare spese relative a canoni di locazione e utenze ( luce, telefono, ecc.).

Ulteriori informazioni sul prestito per il lavoro autonomo possono essere reperite a questo link: www.invitalia.it/site/ita/home/incentivi-alle-imprese/autoimpiego-d.lgs.-1852000-tit.-ii/lavoro-autonomo.html.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

- Come avviare una Start Up coi finanziamenti del decreto sviluppo

- Come avviare e quanto rende un Temporary Shop?

- Quali sono le città italiane con meno disoccupazione?

Scritto da Rosalba Mancuso

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!

Stai cercando aggiornamenti su Borsa e Finanza ?

Visita www.borsaefinanza.net il nostro nuovo portale!