Pensioni 2013, ecco cosa cambia con il nuovo anno

Le feste sono quasi finite e presto gli italiani dovranno fare i conti con nuovi aumenti e soprattutto con l’entrata in vigore della nuova riforma pensionistica. La Riforma Fornero, infatti, comincerà a [...]

Le feste sono quasi finite e presto gli italiani dovranno fare i conti con nuovi aumenti e soprattutto con l’entrata in vigore della nuova riforma pensionistica.

La Riforma Fornero, infatti, comincerà a far sentire i propri effetti proprio a partire da questo Gennaio 2013 con l’obbligo per le donne di restare a lavoro fino ad almeno 62 anni e tre mesi di età (63 e 9 mesi se autonome) e per gli uomini fino a 66 anni e tre mesi. Inizia una corsa che porterà uomini e donne ad un’equiparazione (nel 2018) anche se per questo ci sarà tempo e soprattutto l’arrivo di un nuovo Governo.


Da quest’anno si potrà andare in pensione anticipata solo se si hanno 42 anni e 5 mesi di contributi, per gli uomini, o 41 anni e 5 mesi se donne. Chi vorrà restare al lavoro, invece, potrà farlo fino a 75 anni  guadagnandone poi in pensione grazie al coefficiente di calcolo che sarà più alto.

Coloro i quali decideranno, invece, di andare in pensione con meno di 62 anni vedranno applicata una riduzione dell’1% sulla quota del trattamento pensionistico per ogni anno di anticipo o due se parliamo di 60 anni.

Scritto da Piera Scalise

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!

Stai cercando aggiornamenti su Borsa e Finanza ?

Visita www.borsaefinanza.net il nostro nuovo portale!