Certificazione energetica degli edifici

La legge impone che gli edifici debbano ricevere un’adeguata certificazione energetica rilasciata da un tecnico abilitato. Il mancato ottenimento di questa certificazione comporta il pagamento di sanzioni amministrative. Gli ultimi dati del [...]

La legge impone che gli edifici debbano ricevere un’adeguata certificazione energetica rilasciata da un tecnico abilitato. Il mancato ottenimento di questa certificazione comporta il pagamento di sanzioni amministrative.

Gli ultimi dati del Gruppo Tecnocasa, sul livello di certificazione degli edifici nazionali, sono incoraggianti. Su 95.625 immobili pubblicati sul portale tecnocasa.it, il 48,92% riporta il valore di IPE (Indice di Prestazione Energetica), presente nell’Attestato di Certificazione Energetica dell’Immobile (ACE), e la classe di prestazione energetica.


Dal 1° gennaio 2012, infatti, in tutti gli annunci di vendita di edifici o singole unità immobiliari è obbligatorio inserire proprio l’indice di prestazione energetica (IPE). L’obbligo è stabilito dal decreto legislativo di recepimento della direttiva 2009/28/CE sulla promozione delle fonti rinnovabili, di prossima entrata in vigore.

“Già da tempo i software distribuiti alle agenzie affiliate del Gruppo Tecnocasa – specifica Marco Prosdocimi, Responsabile Servizi Informativi Tecnocasa – consentono la gestione delle informazioni relative alla classe energetica di appartenenza dell’immobile…Attraverso il confronto con le prestazioni energetiche di un edificio efficiente e grazie alle informazioni riportate sull’Attestato, l’utente è infatti in grado di compiere una scelta più consapevole”.

La buona prassi di segnalare le prestazioni energetiche degli edifici comporta anche maggiori opportunità di lavoro per i tecnici abilitati al rilascio dell’attestazione prevista dalla legge.

Scritto da Rosalba Mancuso

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!