Riduzione contributi Inail per le aziende

Il premio Inail si paga per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro dei lavoratori dipendenti e dei titolari delle aziende private. Si tratta di una voce che si somma alle altre [...]

inail--400x300Il premio Inail si paga per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro dei lavoratori dipendenti e dei titolari delle aziende private.

Si tratta di una voce che si somma alle altre uscite dell’impresa, come i contributi Inps, l’Iva e tutto il resto. La riduzione del premio Inail è stata introdotta nel 2000 con lo sconto denominato “oscillazione per prevenzione” di cui possono beneficiare le imprese che da almeno due anni seguono delle iniziative per il miglioramento delle condizioni di sicurezza sul lavoro, comprese quelle introdotte dal D.Lgs 81/2008.

Lo sconto sull’oscillazione riduce il tasso di premio applicabile all’azienda, che viene ridotto nella misura fissa del 5% per le aziende di rilevanti dimensioni ( con numero  superiore a 500 lavoratori) e del 10% per le imprese di dimensioni inferiori.


La richiesta di riduzione va presentata, dall’azienda che presenta i requisiti di legge, attraverso un modulo predisposto dall’Inail, entro il 31 gennaio dell’anno in cui si chiedono i benefici.

Sempre sulla riduzione del premio, una una news della Cgia di Mestre, l’Associazione Artigiani e Piccole Imprese, riporta che, in una circolare del 15 febbraio 2011,  l’Inail si esprime sulla  riduzione del premio del 2,10%  previsto per le aziende artigiane in regola con gli obblighi riguardanti la sicurezza sul lavoro. L’Istituto chiarisce, infatti ,  che se l’impresa ha pagato per intero l’importo del premio ( da versare entro il 16 febbraio) lo sconto sarà applicato automaticamente dagli uffici.

Per fruire di questo beneficio, le imprese devono però rispettare alcuni requisiti normativi come l’assenza di infortuni nel biennio precedente il beneficio. In tal caso il datore di lavoro otterrà dei conguagli per i pagamenti già effettuati.

Fonte immagine: Adnkronos.com

Scritto da Rosalba Mancuso

Non puoi controllare quotidianamente Worky.biz ?

Iscriviti alla Newsletter, riceverai le Offerte di Lavoro più interessanti nella tua E-mail!